giovedì 23 dicembre 2010

L'ESERCITO DEGLI STATI UNITI NEL MIO BLOG!




E' con un pizzico di sorriso che mi accingo a scrivere del simpatico fuoriprogramma nel quale mi sono imbattuto qualche giorno fa.

Passati pochi minuti dopo aver  inserito in Serata di Chiusura blog il dossier wikileaks, consultando il widget del traffico che si trova in homepage, ho  trovato tra i visitatori niente di meno che l'Esercito degli Stati Uniti d'America.
Come potete vedere nello screenshot qui sotto, mi ha  lusingato della sua visita precisamente l'Fpo, Armed Forces Europe, che, a quanto pare, deve essersi molto interessato al mio post su Calipari e le indiscrezioni di Wikileaks.

Oltre a dare il benvenuto ai nostri cari amici marines, nella speranza che  possano apprezzare i contenuti dei post e non progettino invece  un'esportazione della democrazia direttamente nella mia stanza, ne approfitto anche per chiarire loro alcune cose.

COSA TROVERETE IN QUESTO BLOG

1- I FATTI,  ciò che accade nel mondo, in Italia, sotto casa vostra, senza omettere né nascondere niente

2- LE OPINIONI, un punto di vista sui fatti, con l'obiettivo  di contribuire alla comprensione di ciò che ci sta intorno.

3- UNA VOCE CRITICA, derivata da un'analisi seria, oggettiva e rigorosa delle notizie.

4- UNO SPAZIO PER IL DIBATTITO, aperto a tutti e a qualsiasi argomento, con la sola regola del rispetto per le altrui opinioni.

Non sappiamo se ciò che andremo a scrivere risulterà sempre piacevole a governi, istituzioni e, naturalmente, all'esercito degli Stati Uniti. E' probabile invece che molto di quello che troverete, cari amici, su Serata di Chiusura blog, risulti scomodo, fastidioso, difficile da ingoiare.

Vi invitiamo tuttavia a continuare a seguire questo blog, convinti come siamo che lo spazio aperto, libero, forse spregiudicato e a volte irriverente, resti tuttavia la migliore garanzia per una società democratica sana, viva e vitale.





9 commenti:

  1. Credo che attualmente Wikileaks rappresenti una spina nel fianco degli Stati Uniti e dunque è comprensibile l'estrema attenzione che possono riversare nei confronti di qualsiasi voce sul web. Ovviamente, l'estrema attenzione può divenire anche assillante per chi scrive di queste cose

    RispondiElimina
  2. CREDO CHE SI TRATTI DI UN PROGRAMMA DI MONITORIZZA PAROLE E FRASI CHIAVI.

    RispondiElimina
  3. Può darsi sì! Tuttavia lascia in bocca un cattivo sapore di controllo col quale è difficile avere a che fare credo...

    RispondiElimina
  4. ... ma che non e' affatto una novità!

    RispondiElimina
  5. No eh??una cara e vecchia abitudine dei nostri amici??

    RispondiElimina
  6. Dovresti ricordare il sistema statunitense "OCHELON", il Grande Orecchio, che si rivelò poco pratico per l'enormità di dati e di informazioni che raccoglieva e che non potevano essere selezionate in tempo utile. Magari lo hanno perfezionato, su parole chiave, ma a noi che ce ne frega? Niente, siamo pacifici innocui cittadini che si scambiano opinioni basate sui fatti (o presunti tali): siamo inoffensivi!

    RispondiElimina
  7. Ricordo Echelon...che era sostanzialmente una follia. Internet e l'informatica rendono le cose più agevoli. Ovviamente esiste un diritto alla riservatezza che non si deve violare, per cui se io scrivo un commento sul blog e l'esercito degli stati uniti viene a leggerlo è il benvenuto, se intercetta conversazioni con Echelon invece no, giusto?

    RispondiElimina
  8. L'ho scritto male (ECHELON), ma si è capito. Sono totalmente d'accordo con te, ma ... come ci possiamo proteggere dagli abusi? E' un bel problema, a mio parere irrisolvibile. Tanto più che essendo persone oneste non siamo protetti nemmeno dalla improducibilità della intercettazione come elemento di prova in un eventuale reato. Quando mai lo commetteremo un reato? Scherziamo!

    RispondiElimina